martedì 23 maggio 2017

Consigli di lettura. Da che parte stare

25 anni fa moriva Giovanni Falcone. E' il 23 maggio 1992 quando alle 17 e 56, all'altezza del paese siciliano di Capaci, cinquecento chili di tritolo fanno saltare in aria l'auto su cui viaggia il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e tre uomini della scorta, Antonio Montinaro, Rocco di Cillo e Vito Schifani. Falcone è oggi considerato a tutti gli effetti un simbolo positivo e la sua è una storia da non dimenticare e da trasmettere alle generazioni future. Per questo oggi consigliamo la lettura del libro Da che parte stare. I bambini che diventarono Giovanni Falcone e Paolo Borsellino di Alberto Melis. 

Il libro. Sono passati vent'anni da quando, nelle stragi di Capaci e di via d'Amelio, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino sono stati assassinati dalla mafia insieme agli agenti della scorta. Alberto Melis, attraverso le parole delle loro sorelle, Maria Falcone e Rita Borsellino, ricostruisce l'infanzia dei due magistrati con l'intento di ricordare ai ragazzi il loro esempio, ma anche di dare un messaggio di speranza. Perché la mafia si può davvero sconfiggere se tutti noi, anche da piccoli, facciamo il nostro dovere, come diceva Falcone, e scegliamo di stare dalla parte giusta del mondo. Quella dell'onestà.


Biblioteca Comunale di Siliqua (R 360 MEL)
Biblioteca Comunale di Villaspeciosa (R ***360 MEL)


Su Giovanni Falcone nel Sistema Bibliotecario:
L'attentatuni. Storia di sbirri e di mafiosi di Giovanni Bianconi e Gaetano Savatteri
Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando, con prefazione di Maria Falcone
Per questo mi chiamo Giovanni di Claudio Stassi, fumetto tratto dal romanzo di Luigi Garlando
Le ultime parole di Falcone e Borsellino con prefazione di Roberto Scarpinato, a cura di Antonella Mascali
I 57 giorni che hanno sconvolto l'Italia. Perchè Falcone e Borsellino dovevano morire? di John Follain


Nessun commento:

Posta un commento