mercoledì 8 luglio 2015

Leggo di Notte. Gianni Marilotti incontra i lettori in Piazza San Giovanni ad Assemini

La Biblioteca Comunale di Assemini presenta Il Conte di Saracino, di Gianni Marilotti. All'incontro, che si terrà in Piazza San Giovanni venerdì 10 luglio alle ore 21, sarà presente l’autore ed interverranno Gianni Mascia e Alessandro Macis.

Il libro. Che fine ha fatto Peppe Tolu, eminente abitante di Nuxenti, piccolo paese arrampicato sul Monte Libertà, nel cuore della Barbagia? E perché, prima di scomparire, ha deciso di tappezzare le vie del borgo con manifesti che annunciavano non solo il suo rancoroso addio, ma anche la profetica fine del villaggio? Curiosità, sbigottimento, irritazione per le parole di Peppe lasciano il posto al dubbio, al mistero di una decisione inaspettata. E, per quanto siano frenetiche, le ricerche condotte nei giorni a seguire paiono non sortire alcun effetto. Così come non approda a nulla il rievocare gli episodi del recente passato, nella speranza di rintracciare qualche elemento che faccia luce sulla vicenda. Nella circostanza, a imbrogliare ancor più le carte, si insinuano poi le figure di due donne. La prima, Mangedda sa bruxia, è una donna dal passato oscuro, tenuta ai margini dai compaesani a causa dei suoi presunti poteri occulti. La seconda è la sua irriducibile avversaria, donna Memena, la figura più influente di Nuxenti, collegata in qualche modo al "conte di Saracino", il leggendario personaggio che molti identificano con lo stesso Peppe Tolu.
Il racconto, poetico e quasi fiabesco, costituisce per l'autore lo spunto per denunciare il processo di desertificazione in cui versano molti centri dell'interno della Sardegna, ma al tempo stesso per evidenziare la ricchezza di risorse, naturali e umane, presenti nell'entroterra ma poco valorizzate per incuria. (Arkadia 2014, 176 p.). 


Gianni Marilotti vive e lavora a Cagliari dove insegna Storia e Filosofia nei Licei. Ha curato diverse pubblicazioni di carattere storico-politico; fondatore e presidente dell’Associazione culturale “Mediterranea”, si occupa attivamente di Storia del Mediterraneo e di cooperazione allo sviluppo. È autore, fra gli altri, del volume Italia e Nord Africa (Carocci Editore, 2006) e del saggio Dall’interdipendenza all’inter-indipendenza, comparso nel volume curato da A. Sassu e S. Lodde Tra il nuovo e il vecchio. I cambiamenti politici del Nord Africa (Aracne Editrice, 2012). Nel 2003 ha esordito nella narrativa con La quattordicesima commensale (Il Maestrale) vincitore del Premio Letterario Italo Calvino e del Premio Nazionale Marisa Rusconi come migliore opera prima edita in Italia nel 2004. È tornato al romanzo nel 2013 con L’errore (Il Maestrale), riscuotendo sempre ampio consenso di pubblico e critica.

Per informazioni:
Biblioteca comunale Assemini
Via Cagliari 16
tel. 070 949400
fax 070 949407

Puoi trovare il libro:
Biblioteca Comunale di Assemini (N1 MAR)

Dello stesso autore:
L'errore
La quattordicesima commensale
L'Italia e il Nord Africa. L'emigrazione sarda in Tunisia (1848-1914)

Nessun commento:

Posta un commento